| Redazione | Cerca | Pubblicità | Hits | Donazioni |

   

PRIMO PIANO | ARTICOLI | EDITORIALI | ASTRONOMIA | RUBRICHE | RECENSIONI | AGENZIE | OPINIONI | MARTE | AIUTO | LETTORI
 

 

Entra nella Community
Mailing List  Registrati  Login  Chat                      
Username
Password
  
 

Menu

Ufologia
Nascita
Casistica
Classificazioni
50 Anni di Ufo 
Razze
Fenomeni
Abduction
Impianti
Feti alieni
Cerchi nel Grano
Fatti storici
Roswell
Area 51
Casi celebri
Autopsia Aliena
Altri fenomeni
Le sfere Orbs
Le luci di Hessdalen
I Plasmodi
I Flussi invisibili
 Forum
Entra nel nostro forum per parlare di ufo, misteri e  paranormale.

 

 
 Avvistamenti


Vuoi segnalare
un avvistamento
?
Clicca qui


Vuoi saperne di più ?
Leggi il nostro manuale

Scarica il questionario



 

 

 

Esopolitica

Il Majestic 12
I segreti dell'FBI
Il governo Ombra
 I Cover Up
   
 Assistenza

 Aiuto Tecnico

 Collaborazioni
 Filo Diretto
 F.A.Q
 Links

Vedi tutti i Links [...]

Vedi tutti Banner [...]

 

 Channels

 

 PRIMO PIANO                                                                  


| Vai all' archivio |

L'uomo su Marte: ora si può

Una «bolla» magnetica per proteggere
 gli astronauti dal le tempeste solari

 

Gli astronauti del futuro si proteggeranno dalle radiazioni spaziali con un "ombrello" magnetico che devierà i protoni provenienti dal sole, soprattutto durante le tempeste, lo riporta la Bbc.

Il vento solare è un rischio serio per gli astronauti, a bordo della Mir il dosaggio giornaliero di radiazioni è stato equivalente ad 8 radiografie al giorno. Il vento solare è una minaccia per le stesse navicelle, il sistema elettronico della missione giapponese su Marte Nozomi, in 2002, fu messo Ko da una tempesta solare. Quindi lo scudo magnetico sarebbe l'uovo di colombo per le missioni a lunga durata Marte o Luna.

I ricercatori del Rutherford Appleton Laboratory, dell'università di York e Strathclyde e quelli dell'Ist di Lisbona sono convinti che sulle astronavi si possa ricreare una mini "magnetosfera" simile a quella terreste.

Una convinzione che gli viene dai risultati positivi degli esperimenti di laboratorio dove sono riusciti a creare un "ombrello" dal diametro di un metro con un magnete da 20 dollari

.

Il maggiore ostacolo a missioni umane su Marte è considerato il rischio per gli astronauti di incorrere durante il viaggio in letali tempeste solari. Ora, come riferisce un articolo pubblicato a cura dello Institute of Physics, alcuni ricercatori sono riusciti a prospettare una soluzione: una magentosfera protatile.

Le particelle solari energetiche, che pure costituiscono solo una parte dello spettro della radiazione cosmica, sono fra quelle che più preoccupano perché più facilmente potrebbero determinare danni anche letali agli astronauti. Enormi quantitativi di queste particelle energetiche vengono proiettate a intermittenza nello spazio sotto forma di vere e proprie "tempeste", che arrivano senza molto preavviso. La vita sulla Terra è protetta dalla presenza del forte campo magnetico del pianeta, che devia e blocca questi flussi.

Di fatto, gli astronauti delle missioni Apollo che hanno passeggiato sulla Luna sono i soli esseri umani che abbiano viaggiato completamente al di là dello scudo protettivo offerto dalla magnetosfera terrestre, rimanendovi peraltro per una periodo sufficientemente breve - in media otto giorni - da rendere improbabile di incorrere in una di queste tempeste solari. Una missione su Marte richiederebbe però circa 18 mesi di viaggio, un tempo abbastanza lungo da avere quasi la certezza di incapparvi.

Ora un gruppo di ricercatori del Rutherford Appleton Laboratory e delle Università di York, Strathclyde e IST di Lisbona ha sviluppato una serie di modelli per mostrare che è possibile proteggere gli astronavi all'interno di una navicella spaziale dotandola di una "magnetosfera tascabile" sufficiente a deviare le particelle ionizzate fortemente energetiche dei venti solari.

L'idea di dotare di una propria magnetosfera razzi e sonde spaziali risale addirittura agli anni sessanta, ma non è mai stata considerata un'opzione praticabile dato che si riteneva che solamente una "bolla magnetica" di almeno 100 chilometri di diametro sarebbe stata efficace.

Una serie di simulazioni al computer con modelli in cui sono stati messi a frutto i progressi nelle conoscenze sulla fusione nucleare degli ultimi 50 anni ha permesso invece di dimostrare che per proteggere una piccola astronave sarebbe sufficiente una bolla di poche centinaia di metri di diametro.

 

 


 


Crediti: Ufoonline.it


 

 



         

     
        Dossier
| Speciali | Archivi


Torna alla Home | Torna indietro   Stampa il documento
 

  ARGOMENTI CORRELATI

Gli X files inglesi sono in rete
[...] Leggi
Discutine sul nostro forum
[...] Leggi
Extraterrestri, attacco imminente
[...] Leggi

Dossier | Speciali | Archivi
 

 In Evidenza

Segnala una notizia cliccando qui

...

 Extra

 Multimedia

Da You Tube
Da Google
Da Yahoo
Da Altavista


Sei già iscritto alla nostra community e vuoi vedere foto e video ufo esclusivi?
    
        Entra Subito



 
Sondaggio
Credi nell'esistenza di forme di vita intelligenti su altri pianeti ?

Risultati

 

 


       

 About Ufoonline : Video | On Tv | Cover | Teche | Guest | Archivio | Sfondi |
 
 Canali: Ufologia - Paranormale - Astronomia - Esopolitica - Tecnologia - Natura
Copyrights©2006 Ufoonline Network Sito ottimizzato a 1280x1024  Versione 7.0 Privacy Policy | Term of Use