| Redazione | Cerca | Pubblicità | Hits | Donazioni |

   

PRIMO PIANO | ARTICOLI | EDITORIALI | ASTRONOMIA | RUBRICHE | RECENSIONI | AGENZIE | OPINIONI | MARTE | AIUTO | LETTORI
 

 

Entra nella Community
Mailing List  Registrati  Login  Chat                      
Username
Password
  
 

Menu

Ufologia
Nascita
Casistica
Classificazioni
50 Anni di Ufo 
Razze
Fenomeni
Abduction
Impianti
Feti alieni
Cerchi nel Grano
Fatti storici
Roswell
Area 51
Casi celebri
Autopsia Aliena
Altri fenomeni
Le sfere Orbs
Le luci di Hessdalen
I Plasmodi
I Flussi invisibili
 Forum
Entra nel nostro forum per parlare di ufo, misteri e  paranormale.

 

 
 Avvistamenti


Vuoi segnalare
un avvistamento
?
Clicca qui


Vuoi saperne di più ?
Leggi il nostro manuale

Scarica il questionario



 

 

 

Esopolitica

Il Majestic 12
I segreti dell'FBI
Il governo Ombra
 I Cover Up
   
 Assistenza

 Aiuto Tecnico

 Collaborazioni
 Filo Diretto
 F.A.Q
 Links

Vedi tutti i Links [...]

Vedi tutti Banner [...]

 

 Channels

 

 PRIMO PIANO                                                                  


| Vai all' archivio |

L'Hacker che cerco le prove degli Ufo

verrà estradato negli Stati Uniti

 

Gary McKinnon, l'hacker britannico che e' riuscito a violare 97 computer militari statunitensi e della Nasa, ha perso l'ultimo appello presso la Corte europea dei diritti umani ed entro due settimane potrebbe essere estradato negli Stati Uniti. Lo riporta il sito web di Bbc news, sottolineando che McKinnon, 42 anni, rischia addirittura il carcere a vita. ''E' assolutamente sconvolto da questa decisione'', ha detto il suo avvocato Karen Todner.

 

SISTEMI VIOLATI - A Gary McKinnon, oggi 42enne, le sue ripetute intrusioni nei server di diversi apparati militari americani potrebbe costargli il carcere a vita. Le accuse a suo carico sono pesanti: non solo avrebbe violato i sistemi informatici della Nasa, del Dipartimento della Difesa Usa, dell'esercito e della Us Navy; ma avrebbe addirittura manipolato il materiale scovato negli archivi cancellando anche alcuni file. Con queste sue scorribande, compiute tra il febbraio 2001 e il marzo 2002, avrebbe finito col creare gravi criticità nei sistemi, esponendo gli Stati Uniti a gravi rischi.

 

A CACCIA DI UFO - Accuse, quelle nei confronti dell'hacker britannico, rese forse più pesanti dal fatto che le sue prodezze sono state messe in atto subito prima e subito dopo gli attacchi dell'11 settembre a Washington e New York. Lui, tuttavia, respinge ogni addebito e spiega che il suo obiettivo non era sabotare la superpotenza, bensì raccogliere ulteriori informazioni sugli Ufo, magari files non resi pubblici che si diceva convinto esistere in qualche archivio governativo.

 

LA VICENDA PROCESSUALE - L'uomo, che con la sua tastiera da un appartamento londinese è riuscito a violare ben 97 computer di strutture militari americane, era stato arrestato nel 2002 ma nei suoi confronti la Gran Bretagna non aveva ritenuto di dover procedere. Era stato rilasciato, ma in libertà condizionata e tra le limitazioni gli era stato imposto il divieto di utilizzare computer collegati al web. Sono però gli Usa che vogliono la sua condanna, anche perché ritengono che le sue incursioni rappresentino il più grande hackeraggio mai compiuto ai danni di una struttura militare. E proprio per la gravità di questa azione McKinnon, che ora è disoccupato (in passato era stato un analista informatico), rischia addirittura il carcere a vita. Una sentenza esemplare, insomma, che gli States gli potrebbero infliggere come monito per quanti cercassero di seguirne in futuro le orme.

 

INCUBO GUANTANAMO - Il suo timore di finire dietro le sbarre - e di passarci un lunghissimo tempo - è tutt'altro che infondato: la House of Lords inglese a fine luglio ha respinto un suo appello contro l'estradizione negli Stati Uniti e ora le sue speranze sono affidate alla Corte europea dei diritti Umani a cui si è rivolto per chiedere quanto meno la derubricazione dei reati di cui potrebbe essere accusato. L'uomo, infatti, era stato già messo in allerta dalle autorità che avevano spiegato che senza la sua ammissione di responsabilità e la collaborazione che poi ha effettivamente fornito nello spiegare i dettagli delle sue azioni avrebbe anche potuto essere considerato alla stregua di un terrorista. Un rischio, questo, che McKinnon non si sente comunque di correre e per questo ha chiesto di rimanere in Gran Bretagna e di essere al limite processato lì, essendo il reato avvenuto nel territorio di Sua Maestà. Per il momento ha ottenuto una sospensione fino al 28 agosto, in attesa del pronunciamento della Corte. Ma qualora questo fosse negativo, per lui si potrebbe anche aprire la prospettiva peggiore di tutte: il carcere di Guantanamo Bay, che dopo l'11 settembre è diventato il centro di detenzione di tutte le persone sospettate di terrorismo.

 

 

 


 


Crediti: Ufoonline.it


 

 



         

     
        Dossier
| Speciali | Archivi


Torna alla Home | Torna indietro   Stampa il documento
 

  ARGOMENTI CORRELATI

Gli X files inglesi sono in rete
[...] Leggi
Discutine sul nostro forum
[...] Leggi
Extraterrestri, attacco imminente
[...] Leggi

Dossier | Speciali | Archivi
 

 In Evidenza

Segnala una notizia cliccando qui

...

 Extra

 Multimedia

Da You Tube
Da Google
Da Yahoo
Da Altavista


Sei già iscritto alla nostra community e vuoi vedere foto e video ufo esclusivi?
    
        Entra Subito



 
Sondaggio
Credi nell'esistenza di forme di vita intelligenti su altri pianeti ?

Risultati

 

 


       

 About Ufoonline : Video | On Tv | Cover | Teche | Guest | Archivio | Sfondi |
 
 Canali: Ufologia - Paranormale - Astronomia - Esopolitica - Tecnologia - Natura
Copyrights©2006 Ufoonline Network Sito ottimizzato a 1280x1024  Versione 7.0 Privacy Policy | Term of Use