| Redazione | Cerca | Pubblicità | Hits | Donazioni |

   

PRIMO PIANO | ARTICOLI | EDITORIALI | ASTRONOMIA | RUBRICHE | RECENSIONI | AGENZIE | OPINIONI | MARTE | AIUTO | LETTORI
 

 

Entra nella Community
Mailing List  Registrati  Login  Chat                      
Username
Password
  
 

Menu

Ufologia
Nascita
Casistica
Classificazioni
50 Anni di Ufo 
Razze
Fenomeni
Abduction
Impianti
Feti alieni
Cerchi nel Grano
Fatti storici
Roswell
Area 51
Casi celebri
Autopsia Aliena
Altri fenomeni
Le sfere Orbs
Le luci di Hessdalen
I Plasmodi
I Flussi invisibili
 Forum
Entra nel nostro forum per parlare di ufo, misteri e  paranormale.

 

 
 Avvistamenti


Vuoi segnalare
un avvistamento
?
Clicca qui


Vuoi saperne di più ?
Leggi il nostro manuale

Scarica il questionario



 

 

 

Esopolitica

Il Majestic 12
I segreti dell'FBI
Il governo Ombra
 I Cover Up
   
 Assistenza

 Aiuto Tecnico

 Collaborazioni
 Filo Diretto
 F.A.Q
 Links

Vedi tutti i Links [...]

Vedi tutti Banner [...]

 

 Channels

 

 Editoriali                                                                  


| Vai all' archivio |

 

La genetica degli Anunnaki

di Ennio Piccaluga

 

 

È imminente l’arrivo di Nibiru? Quello che per gli antichi Sumeri

era il dodicesimo componente del sistema solare, insieme ai nove

pianeti, alla nosta Luna ed al Sole, tornerebbe ogni 3600 anni

dalle profondità dello spazio attraversando un’orbita posta fra Marte e

Giove, dunque distante dall’orbita della Terra circa 3-400 milioni di

chilometri. Forse qualcuno avrà tirato un sospiro di sollievo: da quella

distanza sicuramente non risentiremmo nessuna conseguenza. Ma non è

proprio così. Intanto gli effetti sarebbero ben diversi se, al momento

dell’attraversamento, la Terra si trovasse al là o al di qua del Sole

rispetto a Nibiru in quanto potremmo essere più lontani (o vicini) di due

unità astronomiche. Gli effetti gravitazionali, poi, si farebbero comunque

sentire in quanto il fantomatico pianeta X avrebbe una massa pari a

cinque volte quella terrestre. Se pensiamo che l’orbita di Nettuno viene

turbata dal piccolissimo Plutone da una distanza di centinaia di milioni

di chilometri, c’è poco da stare tranquilli. Pochi anni fa sul mensile

scientifico Newton l’articolo di copertina annunciava che era stato

finalmente scoperto il pianeta X (dove la lettera X, oltre ad indicare un

corpo misterioso, ammiccava anche alla possibilità che si trattasse

proprio del nostro “decimo pianeta”. La notizia fu anche riportata dai

canali radio-televisivi ma cadde velocemente nel dimenticatoio. Sembra

che anche la misteriosa sonda Siloe ( ma qui entriamo in un ambito di

illazioni), finanziata dal Vaticano, verso la fine del secolo scorso, abbia

rilevato e fotografato questo corpo in avvicinamento dalle profondità

siderali. Fra le tante tavolette sumere tradotte dagli studiosi, ce n’è anche

una che descrive gli effetti gravitazionali di Nibiru sul nostro pianeta,

sconvolto dall’immane diluvio indotto da una gigantesca onda di marea.

Secondo gli storici, sembra che più volte nei millenni il nostro pianeta

abbia subito immani e periodici sconvolgimenti. Non ho le conoscenze

necessarie per risalire molto indietro nel tempo ma so che le piramidi di

Ghiza portano ancora evidenti le tracce di un diluvio da cui furono

interessate nel 6100 a.C. So anche che un cataclisma di proporzioni

apocalittiche colpì la Terra nel 1500 a.C. quando l’isola di Santorini sparì

nell’Egeo per un evento di cui restano testimonianze anche nelle lontane

culture orientali. E’ sconcertante notare che, più o meno, i due

avvenimenti distano di “3600” anni ed è ancor più sconcertante rilevare

che aggiungendo 3600 anni al 1500 a.c. finiamo diritti…. ai giorni nostri.

Allora c’è davvero da temere per il 2012? Diciamo innanzitutto che

stiamo solo facendo delle congetture. Per quanto riguarda poi le datazioni

delle orbite di Nibiru, il più noto sumerologo vivente, Zecharia Sitchin, è di

avviso completamente diverso e, secondo i suoi calcoli, molti secoli ci

separerebbero dal prossimo perielio di questo temuto corpo celeste. Spero

che sia proprio così, ma per saperne di più non ci resta che approfondire

l’argomento ed in ciò ci è di grande aiuto l’articolo di Roberto

Boncristiano presente in questo numero. Il “suo” articolo in particolare

perché questo “ Sitchin italiano” porta avanti degli studi molto seri

sull’argomento fino a proporci uno scritto sulla “genetica degli Anunnaki”,

una ricerca di grande impatto e complessità che costituirà un punto di

riferimento per gli specialisti del settore.

Penso che la nostra rivista, quest’anno, sia stata per voi più volte fonte di

sorprese. Seguiteci anche ad Ottobre e vi garantisco che le

sorprese…continuano.

 

 


 


Crediti: Ennio Piccaluga
ennio.piccaluga@acaciaedizioni.com

 

 

 

 

 

 


 

 



         

     
        Dossier
| Speciali | Archivi


Torna alla Home | Torna indietro   Stampa il documento
 

  MENSILE AREA DI CONFINE

Dossier | Speciali | Archivi
 

 In Evidenza

Segnala una notizia cliccando qui

...

 Extra

 Multimedia

Da You Tube
Da Google
Da Yahoo
Da Altavista


Sei già iscritto alla nostra community e vuoi vedere foto e video ufo esclusivi?
    
        Entra Subito



 
Sondaggio
Credi nell'esistenza di forme di vita intelligenti su altri pianeti ?

Risultati

 

 


       

 About Ufoonline : Video | On Tv | Cover | Teche | Guest | Archivio | Sfondi |
 
 Canali: Ufologia - Paranormale - Astronomia - Esopolitica - Tecnologia - Natura
Copyrights©2006 Ufoonline Network Sito ottimizzato a 1280x1024  Versione 7.0 Privacy Policy | Term of Use