| Redazione | Cerca | Pubblicità | Hits | Donazioni |

   

PRIMO PIANO | ARTICOLI | EDITORIALI | ASTRONOMIA | RUBRICHE | RECENSIONI | AGENZIE | OPINIONI | MARTE | AIUTO | LETTORI
 

 

Entra nella Community
Mailing List  Registrati  Login  Chat                      
Username
Password
  
 

Menu

Ufologia
Nascita
Casistica
Classificazioni
50 Anni di Ufo 
Razze
Fenomeni
Abduction
Impianti
Feti alieni
Cerchi nel Grano
Fatti storici
Roswell
Area 51
Casi celebri
Autopsia Aliena
Altri fenomeni
Le sfere Orbs
Le luci di Hessdalen
I Plasmodi
I Flussi invisibili
 Forum
Entra nel nostro forum per parlare di ufo, misteri e  paranormale.

 

 
 Avvistamenti


Vuoi segnalare
un avvistamento
?
Clicca qui


Vuoi saperne di più ?
Leggi il nostro manuale

Scarica il questionario



 

 

 

Esopolitica

Il Majestic 12
I segreti dell'FBI
Il governo Ombra
 I Cover Up
   
 Assistenza

 Aiuto Tecnico

 Collaborazioni
 Filo Diretto
 F.A.Q
 Links

Vedi tutti i Links [...]

Vedi tutti Banner [...]

 

 Channels

 

 ARTICOLI                                                               
 

The “Martian Black Hole”, ovvero: una ricostruzione alternativa circa la possibile natura di un rilievo marziano inquietante…
 

(riesame critico del frame Mars Reconnaissance Orbiter PSP_003647_1745)


In questo frammento, estrapolato dal “gigantesco” frame MRO-HiRise n. PSP_003647_1745 (formato JPEG2000; peso pari a 441 MB) ed intitolato “Candidate Cavern Entrance Northeast of Arsia Mons” abbiamo la visione globale del “Buco Nero” (che tanto ha attratto la nostra – e non solo… – attenzione) e della pianura vulcanica alla quale esso accede.
Per la NASA – ovviamente – non ci sono dubbi: si tratta di una voragine, larga un centinaio di metri e profonda, probabilmente, molto di più (a Pasadena non si sbilanciano, ma l’idea è che possa trattarsi di uno strapiombo la cui profondità potrebbe andare da alcune centinaia di metri sino a qualche chilometro), la quale si apre sopra una grande caverna.
Una caverna scavata, con ogni probabilità, da un fiume sotterraneo di lava fuoriuscito dal vulcano Arsia Mons (non troppo lontano dall’area ivi ripresa), svariate ere or sono.

Uno dei quattro Grandi Vulcani che sorgono nella Regione Marziana di Tharsis.

Ma torniamo a noi ed alla possibile origine della (presunta) caverna.
Per la NASA, la caverna potrebbe essere un “Underground Lava Tube”, ossia – in termini essenziali – una galleria che si forma allorché la porzione superiore di una colata lavica a bassa viscosità, raffreddandosi, forma un “tetto” resistente e continuo al di sotto del quale continua a scorrere, sino ad esaurimento del fenomeno eruttivo, un fiume di lava fusa.
Ad eruzione terminata e, quindi, una volta che il fiume di lava (rectius: quello che ne è rimasto) si è livellato e raffreddato (e dunque “abbassato”, cessando di invadere la totalità del condotto), ciò che appare ai nostri occhi è una sorta di condotto a forma (più o meno) tubolare il quale se, in taluni punti, può anche essere molto stretto (in questo caso abbiamo dei cunicoli) è pur vero che in altri frangenti può anche “aprirsi” formando caverne di varie dimensioni.
Ora, se da un lato la fenomenologia che è alla base degli “Underground Lava Tubes” è sostanzialmente nota e quindi non perderemo tempo a trattarla in questa sede, da un altro lato è pur vero che le possibili ragioni per le quali si è formato questo gigantesco “buco” AL DI SOPRA dell’ipotetico “lava-tube” situato nel sottosuolo di in un’area a Nord Est di Arsia Mons, sono davvero svariate.

Noi, in linea generale, propendiamo verso l’ipotesi che suggerisce la verificazione di un fenomeno di subsidenza, ma non possiamo assolutamente escludere né l’evento sismico (il quale potrebbe aver causato un crack superficiale su un’area molto sottile ed instabile – l’area che sovrasta la presunta “caverna”, appunto), né l’effetto indiretto di un impatto alquanto consistente verificatosi nelle vicinanze della zona attualmente indagata.

In realtà, poi, la stessa ipotesi dell’impatto quale causa primaria nella formazione della voragine non può essere esclusa a priori (pensate, a titolo di esempio, ad un modestissimo impatto il quale, tuttavia, venne a verificarsi su di una superficie, ribadiamo, sottile).
Il risultato è evidente: il (piccolo) crack verificatosi post impatto, agendo sopra un’area sostanzialmente instabile, si è “allargato” sino a raggiungere le dimensioni di quiete (o di equilibrio) generando la voragine che vediamo oggi.

Tornando al merito della voragine e del “nero” che ne caratterizza l’interno, comunque, la NASA dice che il fondo della medesima non risulta visibile poiché immerso nella più totale oscurità mentre le pareti interne – appena visibili e solo per un modestissimo tratto – ben potrebbero essere delle “pareti a strapiombo e sospese” (caption NASA: “…The best interpretation is that this is a collapse pit into a cavern or at least a pit with overhanging walls. We cannot see the walls because they are either perfectly vertical and extremely dark or, more likely, overhanging...”).

Noi, dopo aver esaminato, elaborato e contrastato l’immagine in formato JPEG2000 originale NASA, riteniamo che la realtà potrebbe essere diversa.

Nel detail mgnf che Vi proponiamo, abbiamo provveduto ad indicare con i numeri da 1 a 4 alcuni rilievi i quali accedono alle pareti interne della voragine e sono SOSTANZIALMENTE INCONGRUI sia con il concetto di “perfectly vertical and overhanging walls” di matrice NASA (osservate i rilievi 1 e 2, ad esempio, i quali NON SONO AFFATTO PERFETTAMENTE VERTICALI, anzi: si “allargano alla base” per poi, improvvisamente ed inspiegabilmente, “sparire nel nulla”; osservate il rilievo n. 3 il quale sembra disegnare un “uncino” od un “becco” e quindi il rilievo n. 4 il quale, decisamente più scuro dei precedenti, ha pure una forma curiosamente appuntita e di difficile spiegazione), sia con il concetto di SUBSIDENZA (in senso stretto) e/o di COLLAPSE PIT, ovvero, detto in termini semplicissimi, una struttura superficiale che cede (e sprofonda) sotto il suo stesso peso e senza l’intervento di fattori di disturbo esterni.



Alle volte, mentre lavoriamo su queste pagine, ci ritroviamo a sognare di scrivere un (modesto, ma speriamo significativo ed alternativo, per certi versi) “Trattato su Marte”, ma poi siamo costretti a fermarci, poiché la nostra Missione non è questa.
Lunar Explorer Italia non è e non deve essere né dogmatica, né (eccessivamente) accademica.

Non abbiamo comunque la competenza sufficiente per esserlo.

La Missione Lunexit consiste solo e semplicemente nel portare a conoscenza del Grande Pubblico degli Appassionati e dei Ricercatori alcuni Dati, alcune Informazioni e, laddove e quando possibile, alcune Teorie Esplicative le quali vadano a corollario dei predetti Dati ed Informazioni e che, pur non essendo sempre (e del tutto) “ortodosse”, presentino sempre e comunque degli elementi oggettivi di logica intrinseca, nonché una semplicità e linearità tali da renderle agevolmente verificabili (per validarle o contrastarle) da parte di chiunque.

A nostro parere, quindi, dopo aver adeguatamente colorizzato (in colori naturali) la Regione in oggetto e dopo aver valutato con ESTREMA CAUTELA ed ATTENZIONE l’immagine controversa, ciò che vediamo potrebbe non essere affatto una voragine che si apre sul nulla, bensì un lago.

Un lago che non contiene “acqua” ma, al contrario, un liquido decisamente denso, scuro ed opaco, incapace di riflettere i raggi del Sole (a meno che essi non battano sulla sua perpendicolare – e questo non è assolutamente il caso di specie, poiché l’angolo di incidenza solare, in questo frame, per espressa precisazione NASA, è fatto pari a soli 52°).

Guardate bene: se prestate una particolare attenzione potrete agevolmente notare che le pareti interne della (presunta) “voragine”, a mano a mano che si abbassano, NON SI INTERROMPONO AFFATTO IMPROVVISAMENTE, come invece dovrebbe essere nel caso di “overhanging walls” – in accordo alla dizione e teorizzazione NASA – bensì SFUMANO, divenendo prima più scure (diremmo “maculate”, in qualche loro punto posizionato verso il basso), e quindi scomparendo.

Ebbene si tratta di un fenomeno, questo, il quale è tipico di un rilievo che NON E’ AFFATTO INTERROTTO, bensì OFFUSCATO poiché IMMERSO in un liquido il quale, a sua volta ed una volta raggiunta una determinata profondità, CANCELLA – specialmente allorché si osserva il tutto dall’alto e da una grande distanza (ivi: 252,5 Km) la porzione visibile del rilievo (visibile poiché direttamente illuminata dalla luce del giorno).

Per Vostra maggior chiarezza, osservate ancora una volta, a questo punto ed in questa logica, l’intera circonferenza interna della voragine e, in particolare, i suoi rilievi numerati.
Come se tutto ciò non bastasse a far sorgere in noi qualche legittimo dubbio sulla intrinseca bontà della “Ipotesi NASA”, mentre il nostro Amico e Socio Lorenzo Leone ci ha segnalato che, a suo parere, il “nero” che caratterizza l’interno della voragine appare “spennellato” sul rilievo stesso (può essere: si tratta di un nero, effettivamente, molto denso e – quasi – “troppo nero”…), il Dr Gianluigi Barca ha addirittura evidenziato, contrastando l’immagine originale, la presenza di due linee chiare le quali “tagliano” l’interno della parte nera della voragine.



Cosa sono queste “linee”?
Forse dei photoartifacts? O magari dei segni di manipolazione?
O delle (tragiche!) sviste, ancora una volta?!?

O forse delle autentiche (ed “artificiali”, per definizione) “tubazioni” che solo la straordinaria definizione del frame originale NASA e la pazienza del Dr Barca ci hanno permesso di rivelare?

Noi non lo sappiamo. Per ora.
Ciò che sappiamo è che, considerati i dati, le immagini e le informazioni contestuali di supporto (senza dimenticare la nostra specifica competenza e sensibilità in Materia), l’Ipotesi NASA ci appare sostanzialmente errata (per palese contraddittorietà fra quanto teoricamente e tecnicamente sostenuto dagli Amici di Pasadena rispetto a quanto si vede nel frame da loro stessi prodotto e messo a disposizione).
Questa voragine, insomma, potrebbe non essere affatto “vuota” – rectius: “affacciata” su una caverna sotterranea il cui fondo giace a chissà quale profondità (ribadiamo: si va dalle poche centinaia di metri ai possibili chilometri di caduta) – anzi.

Potrebbe trattarsi, a nostro parere – e lo diciamo anche se ci rendiamo conto di quanto la nostra teoria possa sembrare (al momento) “esotica” (per non dire assurda e sconsiderata –, di un grande Lago.
Un Lago di Idrocarburi affioranti e quindi, se volete, un Lago di Materia Organica e, in un certo senso, di Energia.
Un Lago da vedere e, in futuro, da studiare da vicino.

MOLTO da vicino, assolutamente…


 


Crediti: Dott. Paolo C. Fienga -Lunexit-


 

 



         

     
        Dossier
| Speciali | Archivi


Torna alla Home | Torna indietro   Stampa il documento
 

  ARGOMENTI CORRELATI


 

Guarda il buco in HD
[...] Leggi
Altri misteri marziani
[...] Leggi
Cydonia, enigma risolto?
[...] Leggi

Dossier | Speciali | Archivi
 

 In Evidenza

Segnala una notizia cliccando qui

...

 Extra

 Multimedia

Da You Tube
Da Google
Da Yahoo
Da Altavista


Sei già iscritto alla nostra community e vuoi vedere foto e video ufo esclusivi?
    
        Entra Subito



 
Sondaggio
Credi nell'esistenza di forme di vita intelligenti su altri pianeti ?

Risultati

 

 


       

 About Ufoonline : Video | On Tv | Cover | Teche | Guest | Archivio | Sfondi |
 
 Canali: Ufologia - Paranormale - Astronomia - Esopolitica - Tecnologia - Natura
Copyrights©2006 Ufoonline Network Sito ottimizzato a 1280x1024  Versione 7.0 Privacy Policy | Term of Use